5 aprile 2013

Il segreto delle Bacche di Acai.


Mi è giunto sott'occhio un articolo fantastico e molto accattivante su uno dei tanti metodi per dimagrire. Sarò sincera, nonostante siano anni che vedo queste pubblicità non mi ero mai soffermata a leggere questi articoli fino in fondo e forse non l'avrei fatto nemmeno stavolta, solo che durante una discussione che Federico ed io abbiamo fatto, a seguito di una triste constatazione, mi sono incuriosita e l'ho letto tutto quanto.
Parla di un metodo miracoloso (e non è l'unico) che promette la perdita di molto peso in brevissimo tempo, a sacrificio zero!
Praticamente la solita solfa che si ricama sul sogno di ogni obeso: poter mangiare come ha sempre fatto e non ingrassare più. Il bello è che ciò è davvero possibile, lo è sempre stato, anche prima di scoprire le "Bacche di Acai", che pare possiedano proprietà dimagranti stupefacenti e lo è sempre stato a prescindere dalle Bacche di Acai nella fattispecie! Anzi, col potere dimagrante di questi ritrovati miracolosi le Bacche di Acai non c'entrano un bel niente.
la pianta dell'Acai è una palma e in quanto tale ogni parte di essa contiene molte fibre, olii preziosi vegetali, antiossidanti e antiradicali liberi. La bacca che la pianta produce è paragonabile (come nutrienti e proprietà terapeutiche) alla nostrana noce. Ma gode dell'ignoranza dei più e sommandoci anche il nome esotico gode di maggior credibilità rispetto alla noce.
Nessun obeso si sognerebbe di poter dimagrire ingollandosi pillole di "bacche di Noce", perché si dice che la frutta secca faccia ingrassare, perché calorica, unta a tal punto che ci fanno gli olii. Le bacche di acai non sono diverse dal resto della frutta a bacche, però è vero che contengano nutrienti che fanno bene. Gli antiradicali liberi allungano la giovinezza cellulare, gli olii vegetali sono responsabili di una buona catalizzazione di HDL, altrimenti detto colesterolo buono, responsabile di "staccare" da arterie e siti curvi, facilmente intasabili, quello cattivo, l'LDL, inoltre gli antiossidanti mantengono in salute l'apparato cellulare e il livello alcalino nel corpo umano, che se dovesse precipitare lasciando spazio al livello acido, saremmo continuamente soggetti a tumori. ma niente di ciò che contiene una qualsivoglia bacca riuscirà mai a far dimagrire un corpo umano, sedentario e con una cattiva educazione alimentare, di 15 o 20 chili nel giro di un paio di mesi.
le bacche sono un alimento e gli alimenti nutrono, non fanno dimagrire. Ce ne sono di alcuni che aiutano a digerire, che assorbono i gas della digestione, che drenano le zone periferiche e che danno quindi la sensazione di sentirsi più magri anche dopo un pasto, ma non fanno dimagrire.
Allora cos'è la cosina magica che rende questi prodotti così miracolosi?... E qui entra in gioco Federico, il mio affascinante tecnico di laboratorio chimico.
Ma prima di svelarvi le atrocità che sono uscite fuori dal suo microscopio chiediamoci perché ci sono in giro così tanti prodotti dimagranti che funzionano e perché secondo i sondaggi della "World Health Organization" il genere umano è sempre più obeso.
Di questi prodotti in verità ve ne sono sempre un paio per volta, poi, se davvero posseggono il potere di far dimagrire, spariscono e vengono sostituiti da altri. Nome diverso per la stessa magia. A volte si parla di alghe, altre volte di radici, altre ancora di bacche. Ognuna di queste cose esistono e hanno proprietà officinali egregie...  ma è tutta roba che rientra nella categoria degli alimenti e quindi nutre, ma non fa dimagrire.
L'unica cosa che potrebbe venire ingerita, ma che non fa parte dei nutrienti sono le sostanze chimiche.
Infatti la magia non è altro che un miscuglio di roba la cui formula molecolare è C9H13N e cioè pure e semplici ANFETAMINE.
Ma non è finita qui, visto che il Reparto Anticontraffazione ha riscontrato tracce di C11H15NO2!
Ora, per chi non lo sapesse, quella lì è la formula bruta, o molecolare dell'MDMA, o volgarmente detta Ecstasy... Ce ne sono piccole tracce e spesso confuse tra quelle, più cospicue, dell'anfetamina. Le anfetamine sono anoressizzanti, ma soprattutto inducono a un consumo delle masse molli. Peccato che le masse molli presenti nel nostro corpo non siano solo il grasso e la cellulite, anzi, la cellulite in alcuni casi si presenta più come un grano duro, che non come una cosina molle. le parti molli sono anche il cervello, gli organi interni... Il soggetto dimagrisce, eccome se lo fa! ma sarebbe più preciso dire che deperisce.
Quando la faccenda inizia a farsi pericolosa i tizi che vendono questa roba (a prezzi scontati, ma comunque pazzeschi) spariscono e le persone che le hanno assunte non potranno mai rivendicare le proprie ragioni quando inizieranno a soffrire di disturbi fastidiosissimi, tra cui è stato osservato incontinenza, mal digestione, stanchezza fisica e mentale, sterilità, impotenza... e tumori.
Sì, perché come si è detto all'inizio l'aumento dell'acidità dentro il nostro organismo che è sostanzialmente un ambiente alcalino, ci sottopone a rischi di tumori e ogni tipo di medicina chimica aumenta lo stato di acidità, figurarsi le droghe chimiche!
Se ci fate caso, questi rimedi miracolosi, che ribadisco, funzionano perfettamente, vengono sempre venduti o in televisione o on line, non c'è mai un negozio fisico, con un commesso fisico, più o meno qualificato, quindi sparire per certa gente è facilissimo.
Federico stesso potrebbe vendervi certe pillole dimagranti a base di Alghe del Mar di Stocazzo, lui sa come "costruire" in laboratorio le anfetamine, l'MDMA, mescolare un po' di aromi che ricordano il limone e rifilarle come panacea ai grassoni recidivi.
Le varie testimonianze? False, che ve lo dico a fare...
Le foto di persone dimagrite? Dai... al giorno d'oggi il digitale non ha più confini, cerchiamo di non prenderci per il culo da soli.
Per tutto il resto c'è una buona visione di noi stessi, sana alimentazione, attività fisica, serenità d'animo e la consapevolezza che la perfezione non risiede in una taglia 38. Chi porta la 38 è gente malata, sono donne a cui sono andate via le mestruazioni 10 chili fa e uomini che a letto non hanno fiato nemmeno per reggere un coito fino in fondo. Da qui frustrazioni bestiali, scontento del loro essere e depressione. Dalla depressione altre pastiglie chimiche a base di anfetamine, il fisico si inacidisce sempre di più ed ecco il sollievo... eterno della morte. Dopo aver passato quella poca vita a lagnarsi di ogni piccola cosa.

3 commenti:

  1. Forse mi sopravvaluti, non so se sarei capace di "costruire" un acido e sinceramente preferisco ignorare questa mia possibile capacità. In fondo è tanto bello condurre una vita semplice, sana e moderata.
    Gli eccessi alla fine non appagano a lungo. La concezione dell'usa e getta già va poco bene se si tratta degli oggetti d'uso più o meno comune, figuriamoci se voglio applicarla alla mia vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica dieta che funziona è quella delle "tre emme", non c'è nulla da fare. Ma meglio ancora sarebbe rendersi conto di quanto importante sia vivere in modo regolare, invece di fare sempre come ci pare.
      Si vedono bambini di soli quattro anni (ma anche più piccini) grassi, con già il colesterolo. Ma mi domando io! La loro mamma il cervello dove ce l'ha?
      Come si fa a tenere un bambino piccolo a dieta? Ma è proprio quando è piccolo che riesce a starci, visto che è la mamma che cucina e che gli compra la merenda!
      Mi chiedo se guardando i loro piccoli porcellini da allevamento, a quelle mamme non piange un po' il cuore, sapendo che saranno dei potenziali adulti malati e insoddisfatti.

      Elimina